MW OBLIGATIONS INTERNATIONALES

YTD : 1,96%
Ultima VPN : 1630.60 € a 12-07-2019
Prestazioni superiori a 1 anno : 1,12%

Obbligazioni private internazionali

Benchmark: Euro MTS 3/5 anni
 

Orizzonte d'investimento: da 3 a 5 anni

Leggill

MW ACTIONS EUROPE

YTD : 25,50%
Ultima VPN : 5.67 € a 17-07-2019
Prestazioni superiori a 1 anno : -6,79%

Azionari europei

Benchmark: DJ Euro Stoxx 50 Buoni Reinvestiti
 

Orizzonte d'investimento: > 5 anni

Leggill

MW RENDEMENT

YTD : 9,75%
Ultima VPN : 93.00 € a 12-07-2019
Prestazioni superiori a 1 anno : -3,10%

Strategia invertibile convertibile

Benchmark: OAT 10 anni
più 200 punti base

Orizzonte d'investimento: da 3 a 5 anni

Leggill

Le nostre competenze

L’esperienza affidabile dei nostri consulenti nel campo della selezione di valori
L’esperienza affidabile dei nostri consulenti nel campo della selezione di valori
La nostra indipendenza in tema di  indici e di limitazioni settoriali
La nostra indipendenza in tema di indici e di limitazioni settoriali
Una struttura a dimensione umana che concede disponibilità, autonomia e reattività
Una struttura a dimensione umana che concede disponibilità, autonomia e reattività
Una team dedicata al cliente
Una team dedicata al cliente
Un numero limitato di cliente per ogni consulente
Un numero limitato di cliente per ogni consulente
Un unico referente nella relazione e nella gestione
Un unico referente nella relazione e nella gestione
Numerosi appuntamenti con le aziende prima dell’investimento di capitale
Numerosi appuntamenti con le aziende prima dell’investimento di capitale
Indipendenza e libertà di gestione
Indipendenza e libertà di gestione
Investimenti in titoli attivi (conti sotto mandato)
Investimenti in titoli attivi (conti sotto mandato)

Una parola del direttore della direzione aziendale

Un terzo trimestre 2018 caratterizzato dall’aumento dei rischi politici

Il terzo trimestre 2018 si è contraddistinto per gli onnipresenti "rischi politici". Per quanto riguarda la Brexit, nonostante le intense discussioni tra Londra e Bruxelles nelle ultime settimane, non è stato raggiunto alcun accordo e il rischio di un "no deal" prima del marzo 2019 è ora reale. In Italia, con l’avvento della nuova coalizione populista, i timori di uno slittamento fiscale erano elevati. E a settembre essi hanno dimostrato la loro legittimità. In effetti, il governo italiano ha annunciato una previsione di deficit di bilancio del 2,4% per il 2019, a un livello ben al di sopra delle aspettative dei mercati e delle autorità europee. Tale recente annuncio, non segna alcuna volontà della coalizione al potere di ridurre l’inquietante peso del debito pubblico. Ciò ha causato un aumento dei rendimenti italiani e un divario del 3% verso i rendimenti tedeschi. Sempre a proposito dei "rischi politici", le tensioni commerciali sino-americane sono rimaste molto forti, generando preoccupazione. Donald Trump ha deciso di tassare di ulteriori 200Md $ le importazioni cinesi; e con i 50Md $ di prodotti già sovra tassati, ora la metà delle merci importate dalla Cina è presa di mira.